Andar per foglie

Imparare mille cose nuove sulla storia, geografia e biologia giocando con le foglie? è facile con l’aiutino che abbiamo preparato per voi.

Avete mai notato che la visita al museo diventa di gran lungo più emozionante, quando sapete già quello che dovrete vedere? Intendo non quadri, ma “La Gioconda” e non automobili, ma la “Ferrari Testarossa”.

Provate a fare la stessa cosa anche con la passeggiata per le foglie. Raccontate ai vostri figli che possono giocare a fare gli scienziati e diventare gli scopritori dei segreti della natura, guardate i video e poi via – andate a raccogliere gli esemplari più belli!

Avete vicino a voi querce, aceri o ginkgo biloba? Potete scoprire:

fall-foliage-1467583_1280

Quercia

  • Era l’albero sacro dei Celti, diversi studiosi sostengono che il nome dei druidi, abbia tratto origine dalla parola quercia (radice indoeuropea*dereu)
  • La tavola rotonda di Re Artù si dice fosse una sezione di una pianta di rovere.
  • I legnami sono indicati come “rovere” senza distinguere tra le specie botaniche.
  • La “Chêne Chapelle” è una quercia millenaria, alta una quindicina di metri, che si trova in Francia. Colpito da un fulmine che ne ha scavato il tronco, l’albero è stato trasformato in una chiesetta.
  • Nei boschi di querce crescono tartufi e funghi.
  • Per i Romani il ramo di quercia era simbolo di virtù, coraggio, forza perché è molto resistente.
  • In autunno le foglie assumono tonalità di rosso, anche molto intenso

Come riconoscere le querce?

maple-leaf-888807_1280

Acero

  • È originario dell’estremo Oriente.
  • Le foglie sono a forma di stella
  • Il simbolo del Canada è una foglia di acero
  • Dalla linfa degli aceri si ricava lo sciroppo d’acero, ottima alternativa allo zucchero.
  • I frutti degli aceri, a samara, costituiscono perfetti apparecchi aeronautici di tipo elicottero.
  • nella mitologia greca è simbolo della modestia, della prudenza e della riservatezza.
  • In autunno le foglie si tingono di rosso.

Filmato sulle foglie d’acero in inglese

ginkgo-tree-2890516_1280

 Ginkgo biloba

  • È un albero fossile. Esisteva quando c’erano i dinosauri e i suoi frutti piacevano loro assai.
  • Non produce i fiori ed è unico nella sua specie.
  • Vive circa 2500-3000 anni
  • È l’unica pianta che sta tra le felci e le conifere.
  • La sua foglia assomiglia a un ventaglio cinese.
  • In autunno le foglie diventano giallo spendente

Alberi ginkgo a Tokyo

Età Da 3 anni
Tempo Da qualche minuto a qualche ora
Dove Una parte in casa e l'altra parte - durante una passeggiata.
OccorrenteFogli formato A4 su cui attaccare le composizioni di foglie, colla. Un libro sulla classificazione di alberi e arbusti oppure un computer con Internet.
Descrizione 1. Durante una passeggiata si osserva l’albero, la sua forma e la disposizione dei rami.

2. Si raccolgono alcune foglie che poi, a casa, si metteranno a seccare tra le pagine di un libro.
Il gioco consiste nell’immaginare di essere scienziati, dover osservate tutto e fare ricerche, per diventare veri esperti.

3. Quando le foglie saranno secche, qualche giorno dopo, si potranno incollare su un foglio di cartoncino e farne un quadretto.
CauteleNessuna
CostoNessuno
Perché ci piace# Il bambino viene incoraggiato ad osservare l’ambiente, riconoscere alberi e arbusti, fare ricerche, scoprire miti e leggende.

# Raccogliere le foglie, osservarne i colori, le forme, ricordarsi quando e dove le ha prese è molto utile per rafforzare memoria e linguaggio.

# Questo gioco-scoperta è particolarmente piacevole in autunno, perché si possono trovare foglie rosso fiammeggiante, giallo brillante, arancione… e, dopo averle fatte seccare, usarle per comporre vere e proprie opere d’arte.

image_pdfimage_print

Author: Nonna

Una nonna italiana, insegnante di statistica e una persona con i piedi per terra, capace a distillare il caos in piccole schede pratiche e comode da usare. Vede le soluzioni dove gli altri vedono solo i problemi, e riesce a mettere in ordine persino i differenti approcci al crescere i figli di una famiglia italo-russa. Lavora in binomio con il nonno, già professore al Politecnico di Torino, che sa spiegare in modo davvero affascinante tosti concetti di fisica e matematica.

Leave a Reply